Il weekend di Pop Tv con tre compagnie teatrali baresi

A partire da oggi venerdì 22 a domenica 24 maggio su Pop Tv, visibile dal sito www.poptelevision.it e dalle app gratuite per ios e android, andrà in onda la rassegna “Teatro in IP”, con tre compagnie teatrali baresi. Rispettivamente, ogni sera alle 21, si esibiranno Ventisetteundicisettantanove con “Capagrò”, Settantacento con “il giorno della tartaruga” e Thea3 con “I favolosi anni 60”.


La rassegna, organizzata in collaborazione con la Fita Puglia (Federazione Italiana Teatro Amatori), con la direzione artistica di Anna Maria Carella,
sebbene sia stata data la possibilità di riapertura a metà giugno, è stata pensata con l’obiettivo di mantenere vivo l’amore per il teatro in un periodo di chiusura delle strutture per il contrasto all’epidemia da Covid-19.

Il weekend sarà aperto da “Capagrò” piece scritta, diretta e interpretata da Nico Sciacqua con gli attori Pietro Caramia Francesca, Francesca Di Cagno, la voce e la chitarra di Pier Dragone. Tema centrale è il bullismo, analizzato dall’autore in modo tale da superare le ripetitività. La messa in scena indagasulle profondità dell’animo umano, passando per lo studio più profondo dell’Io. Questo non è il solito spettacolo per bambini destinati alla didattica pedagogica per combattere il bullismo,piuttosto rappresenta un’esperienza di crescita per tutti i suoi fruitori.

Sabato invece sarà la volta de Il giorno della Tartaruga, famosa commedia musicale del 1964 targata Garinei e Giovannini, portata in scena dalla compagnia Settantacento, diretta da Nino Rizzi, che ne cura la regia. Lo spettacolo affronta il tema, sempre attuale, della crisi della coppia, sullo sfondo dell’Italia degli anni del boom. I due protagonisti, oltre ad interpretare Lorenzo e Maria, marito e moglie che litigano dalla prima all’ultima scena, interpretano anche i vari personaggi della storia, offrendo una grande prova di attori. A completare il cast, accanto a loro, otto performers che danno vita ai ricordi della coppia creando atmosfere romantiche, divertenti e a tratti nostalgiche.

Chiuderà la tre giorni dedicata al teatro barese “I favolosi anni ‘60” di Emanuele Battista, nel quale saranno ricordati con simpatia e ilarità quegli anni mitici, per coloro che li hanno vissuti, della rinascita dopo la guerra e del boom economico. Questo è un racconto comico che focalizza la sua attenzione sulla città di Bari in quella decade, anche se, in realtà, abbraccia tutte le realtà pugliesi dell’epoca. Durante lo spettacolo sono messe in evidenza, con leggerezza, vivacità e nostalgia, le piccole tradizioni semplici. Dai giochi per strada, alle tradizioni famigliari di una volta, al modo di vivere dei baresi fatto di semplicità, naturalezza e sopratutto di vera umanità e gli attori fanno ridere proponendo lo specchio della società degli anni ‘60.

Condividi questo post