La leggenda dello Jazzo del Demonio. Sabato 11 luglio a Ruvo

Sabato 11 luglio, alle ore 18,00, il gruppo Murgia Trekking & More dell’associazione Poliedrika APS organizza un’uscita in natura nel territorio di Ruvo.

Il Bosco Scoparella, 300 ettari dominati dalla presenza delle querce roverelle (alcune secolari), rosa canina, biancospino, asfodeli, asparagi e numerosissime piante officinali a caratterizzare questo bosco parte integrante del territorio del Parco Nazionale Alta Murgia.
Un percorso ad anello, lungo sentieri boschivi e attraversando il Ponte dell’Aquedotto Pugliese, un bellissimo antico mungituro e la lama in cui è situato uno jazzo dal nome al quanto singolare: “Jazzo del Demonio”.


Il suo nome è dovuto ad una leggenda che narra di una notte d’inverno, anno 1870, due pastori con il loro gregge sostavano in questo luogo. Mentre si scaldavano attorno ad un fuoco, i loro cani presero ad abbaiare, almeno per mezz’ora, dopodiché all’improviso un silenzio inquietante e surreale interrotto dal bussare alla porta di un povero malandante rauco, che non trovava più il cammino.

Il percorso sarà abbastanza semplice “TE” , alcuni punti saranno fra vegetazione incolta, con tratti di moderata pendenza per un totale di circa 7/8 km.
Trattandosi di zone incolte e rocciose ricordiamo che è obbligatorio indossare scarpe da trekking alte o scarpe tecniche anti-scivolo pena esclusione dalla escursione.
È consigliato abbigliamento comodo a strati, acqua e pantaloni lunghi.
Al termine della passeggiata il coordinatore del gruppo astronomico Icarus Astronomia di Poliedrika APS indicherà come sempre costellazioni, stelle e pianeti visibili, nelle tipiche serate estive, in un posto che ben si presta ad osservare facilmente anche la via lattea.
Il tradizionale banchetto di condivisione, che si teneva a fine escursione con la possibilità di apprezzare e gustare le specialità di ogni partecipante, a causa delle norme anti contagio non sarà attuabile.
Naturalmente ci sarà la possibilità di consumare il proprio personale spuntino comunque beneficiando della compagnia del gruppo in pieno rispetto delle regole e del distanziamento.

Condividi questo post